Calcolo della detrazione in caso di assegno periodico percepito dal coniuge da inserire nel rigo RN7 Col.4 dei modelli per la dichiarazione dei redditi 2020 riferiti al periodo di imposta 2019.
I riferimenti indicati con "RN..." si riferiscono al prospetto relativo al calcolo dell'Irpef, presente nel modello REDDITI.

Ha diritto alla detrazione per assegno dal coniuge chi percepisce un assegno di mantenimento in seguito a separazione o divorzio e per effetto di una sentenza dell'autorità giudiziaria.

La detrazione non riguarda l'assegno per i figli: in altre parole se il coniuge percepisce solo l'assegno di mantenimento per i figli non deve applicare la detrazione per assegno del coniuge.

Inoltre, per usufruire di questa particolare detrazione è indispensabile che l'assegno sia stato stabilito dal Giudice ed abbia carattere di periodicità (non si considerano ad esempio "assegni periodici" le somme versate dall'altro coniuge a titolo volontario).

La detrazione è stabilita in modo forfettario sulla base del proprio reddito e non è rapportata al periodo di tempo in cui si è percepito l'assegno.

Anche se non riguarda direttamente questa applicazione, ricordiamo che chi versa l'assegno lo può portare "in deduzione" dal reddito indicandolo nel rigo RP22 del modello redditi, così come anche nel 730.

In tale importo non vanno considerati gli assegni per il mantenimento dei figli che non sono deducibili.
Se il giudice non specifica nulla circa la ripartizione dell'assegno di mantenimento tra coniuge e figli si considera la metà.

Nota:
Ricordiamo che con il termine "deduzione" si intende una somma che viene tolta dal reddito imponibile prima di calcolare l'imposta, mentre la "detrazione", come quella calcolata da questa applicazione, si decurta dall'imposta una volta calcolata.


I parametri richiesti per calcolare la detrazione spettante sono i seguenti:
- il reddito per detrazioni, ovvero il reddito di riferimento da utilizzare per il calcolo della detrazione spettante (RN1 Col.1),
- l'eventuale deduzione per abitazione principale (rigo RN2),

Nota Bene:
Il reddito complessivo di riferimento per il calcolo delle detrazioni, compresa la detrazione per l'assegno corrisposto al coniuge, è quello indicato nel rigo RN1 Col.1.
Ricordiamo che tale valore deve comprendere i redditi da locazione (incluse le locazioni brevi) assoggettati a cedolare secca, riportati nel quadro "RB" al rigo RB10 (Col. 14 e 15).
Inoltre, se sei titolare di reddito di impresa e hai compilato il rigo RS37 del quadro RS, relativo all'agevolazione ACE, devi aggiungere al reddito per detrazioni il valore RS37 Col.14.


CALCOLO DETRAZIONE per CONIUGE a CARICO
RN1 Reddito per detrazioni (Col.1)
RN2 Deduzione abitazione principale

Valuta l'applicazione:
5 / 5 (3voti)
Calcolo Detrazione Assegno ConiugeCalcolo Detrazione Assegno Coniuge sul Tuo Sito?
Copia e incolla il seguente codice html.

NOTE

- se è stato compilato il rigo RS37 Col.14 relativo all'agevolazione ACE, al reddito per detrazioni va aggiunto l'importo indicato in RS37 Col.14.
- gli importi inseriti e la detrazione calcolata sono sempre arrotondati all'euro superiore o inferiore come indicato dall'Agenzia delle entrate;
- il calcolatore accetta anche importi con le migliaia separate dal punto (utile ad esempio per fare copia-incolla).
- utilizza la virgola come separatore dei decimali.


Avvertenza:
Nonostante l'attenzione impiegata nella realizzazione di questa applicazione non è possibile escludere la presenza di errori nei calcoli.
L'applicazione è utilizzabile per un uso non professionale e le informazioni fornite si intendono a carattere puramente indicativo.
Per segnalare eventuali errori o malfunzionamenti clicca qui.


Detrazione per il Coniuge a Carico

Il calcolo della detrazione spettante per il coniuge a carico richiede diversi passaggi che questa utility automatizza completamente, riducendo così le possibilità di errore.
Le modalità di calcolo sono tre e variano in base alla fascia di reddito.
Il reddito da considerare per individuare la fascia di reddito è il c.d. reddito di riferimento per detrazioni (comprese le detrazioni per il coniuge a carico) che si trova al rigo RN1 Col.1 del modello REDDITI (si ricorda che tale reddito deve contenere i redditi fondiari da locazioni anche se assoggettati a cedolare secca).
La detrazione per il coniuge non spetta se tale reddito è maggiore di 55.000 euro.

Reddito fino a 8.000 euro

La detrazione spetta nella misura fissa di:

1880 Euro

Reddito maggiore di 8.000 euro e minore o uguale a 15.000 euro
La detrazione spettante si ottiene applicando la formula:

(1297 + (583 x Quoziente))

deve il quoziente calcolato nel seguente modo:

Quoziente = ((15000 - Reddito Netto) / 7000

Reddito superiore a 15.000 euro e minore o uguale a 55.000 euro
La formula per il calcolo è la seguente:

(1297 x Quoziente )

con il quoziente calcolato nel seguente modo:

Quoziente = ((55000 - Reddito Netto) / 40000

Reddito superiore a 55.000 euro

Nessuna detrazione spettante.


Decimali e Arrotondamenti

Calcolo del quoziente
Per il calcolo del quoziente si utilizzano sempre le prime quattro cifre decimali con il troncamento senza arrotondare; ad esempio: 0,543786 diventa 0,5437.
Calcolo della detrazione spettante
La detrazione risultante dalle formule sopra descritte deve essere inserita nel modello di dichiarazione arrotondata all'euro secondo la seguente regola:
- all'euro superiore se la parte decimale è maggiore o uguale a 50 centesimi
- all'euro inferiore se la parte decimale è minore di 50 centesimi.


Per saperne di più

Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.017 secondi