Codice Procedura Civile

Art. 410

Art. 410

LIBRO SECONDO
Del processo di cognizione
TITOLO IV
Norme per le controversie in materia di lavoro.
CAPO I
Delle controversie individuali di lavoro.
Sezione I
Disposizioni generali.

Tentativo obbligatorio di conciliazione.

[I]. Chi intende proporre in giudizio una domanda relativa ai rapporti previsti dall'articolo 409 e non ritiene di avvalersi delle procedure di conciliazione previste dai contratti e accordi collettivi deve promuovere, anche tramite l'associazione sindacale alla quale aderisce o conferisca mandato, il tentativo di conciliazione presso la commissione di conciliazione, individuata secondo i criteri di cui all'articolo 413.
[II]. La comunicazione della richiesta di espletamento del tentativo di conciliazione interrompe la prescrizione e sospende, per la durata del tentativo di conciliazione e per i venti giorni successivi alla sua conclusione, il decorso di ogni termine di decadenza.
[III]. La commissione, ricevuta la richiesta, tenta la conciliazione della controversia, convocando le parti, per una riunione da tenersi non oltre dieci giorni dal ricevimento della richiesta.
[IV]. Con provvedimento del direttore dell'ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione Ŕ istituita in ogni provincia, presso l'ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, una commissione provinciale di conciliazione composta dal direttore dell'ufficio stesso o da un suo delegato, in qualitÓ di presidente, da quattro rappresentanti effettivi e da quattro supplenti dei datori di lavoro e da quattro rappresentanti effettivi e da quattro supplenti dei lavoratori, designati dalle rispettive organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative su base nazionale.
[V]. Commissioni di conciliazione possono essere istituite, con le stesse modalitÓ e con la medesima composizione di cui al precedente comma, anche presso le sezioni zonali degli uffici provinciali del lavoro e della massima occupazione.
[VI]. Le commissioni, quando se ne ravvisi la necessitÓ, affidano il tentativo di conciliazione a proprie sottocommissioni, presiedute dal direttore dell'ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione o da un suo delegato, che rispecchino la composizione prevista dal precedente comma 3.
[VII]. In ogni caso per la validitÓ della riunione Ŕ necessaria la presenza del presidente e di almeno un rappresentante dei datori di lavoro e di uno dei lavoratori.
[VIII]. Ove la riunione della commissione non sia possibile per la mancata presenza di almeno uno dei componenti di cui al precedente comma, il direttore dell'ufficio provinciale del lavoro certifica l'impossibilitÓ di procedere al tentativo di conciliazione.


 

Codice Procedura Civile

Art. 412 - bis

LIBRO SECONDO
Del processo di cognizione
TITOLO IV
Norme per le controversie in materia di lavoro.
CAPO I
Delle controversie individuali di lavoro.
Sezione I
Disposizioni generali.

ProcedibilitÓ della domanda.

[I]. L'espletamento del tentativo di conciliazione costituisce condizione di procedibilitÓ della domanda.
[II]. L'improcedibilitÓ deve essere eccepita dal convenuto nella memoria difensiva di cui all'articolo 416 e pu˛ essere rilevata d'ufficio dal giudice non oltre l'udienza di cui all'articolo 420.
[III]. Il giudice, ove rilevi che non Ŕ stato promosso il tentativo di conciliazione ovvero che la domanda giudiziale Ŕ stata presentata prima dei sessanta giorni dalla promozione del tentativo stesso, sospende il giudizio e fissa alle parti il termine perentorio di sessanta giorni per promuovere il tentativo di conciliazione.
[IV]. Trascorso il termine di cui al primo comma dell'articolo 410-bis, il processo pu˛ essere riassunto entro il termine perentorio di centottanta giorni.
[V]. Ove il processo non sia stato tempestivamente riassunto, il giudice dichiara d'ufficio l'estinzione del processo con decreto cui si applica la disposizione di cui all'articolo 308.
[VI]. Il mancato espletamento del tentativo di conciliazione non preclude la concessione dei provvedimenti speciali d'urgenza e di quelli cautelari previsti nel capo III del titolo I del libro IV.

LIBRO QUINTO

Codice Civile (1942)

Art. 2103

Del lavoro.
TITOLO II
Del lavoro nell'impresa.
CAPO I
Dell' impresa in generale.
Sezione III
Del rapporto di lavoro.
§ 2.
Dei diritti e degli obblighi delle parti.

Mansioni del lavoratore.

[I]. Il prestatore di lavoro deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o a quelle corrispondenti alla categoria superiore che abbia successivamente acquisito ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente svolte, senza alcuna diminuzione della retribuzione. Nel caso di assegnazione a mansioni superiori il prestatore ha diritto al trattamento corrispondente all'attività svolta [36 Cost.], e l'assegnazione stessa diviene definitiva, ove la medesima non abbia avuto luogo per sostituzione di lavoratore assente con diritto alla conservazione del posto, dopo un periodo fissato dai contratti collettivi, e comunque non superiore a tre mesi. Egli non può essere trasferito da una unità produttiva ad un'altra se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.

[II]. Ogni patto contrario è nullo.

 





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451 - Polizza Generali: 271920590
Pagina generata in 0.017 secondi