Venerdi 18 aprile 2014

UtilitÓ e Servizi
Atti Giudiziari
Fatturazione
Risarcimento Danni
ProprietÓ e Successioni
Investimenti Finanziari
Dichiarazione Redditi
UtilitÓ Varie
UtilitÓ Giuridiche Web

Link

Altre Risorse

Con questa utility Ŕ possibile attualizzare una somma di denaro in Lire o in Euro oppure calcolarne il valore rispetto ad un qualsiasi anno compreso nell'intervallo 1861 - 2014.

AVVERTENZA
I dati forniti da questa applicazione vanno utilizzati esclusivamente per analisi storiche e comparative sul valore della moneta in Italia.
Per le rivalutazioni monetarie di affitti, assegni di mantenimento ecc. utilizzate le applicazioni appositamente predisposte:
- Rivalutazione monetaria tra due periodi (dal 1970)
- Adeguamento Istat del canone di locazione
- Rivalutazione importi dovuti e non pagati.


RIVALUTAZIONE MONETARIA STORICA
Capitale:    Lire    Euro
Anno Iniziale:   ( min: 1861 )
Anno Finale:   ( max: 2014 )

Rivalutazione Monetaria Storica sul Tuo Sito?
Copia e incolla il seguente codice nelle tue pagine:

Istruzioni per l'Uso

A differenza della rivalutazione monetaria "classica", l'applicazione utilizza gli indici storici dei prezzi al consumo ricostruiti dall'Istat nel corso del tempo e pubblicati nell'apposita sezione dedicata.
Trattandosi di indici a valenza annuale, scompare ogni riferimento al mese e pertanto Ŕ richiesto l'inserimento del solo anno (iniziale e finale).
E' possibile indicare se l'importo da rivalutare Ŕ espresso in Lire oppure in Euro; se l'importo iniziale Ŕ in Lire il risultato sarÓ visualizzato in entrambe le valute.


NOTA

Attualmente l'ultimo indice storico disponibile si riferisce all'anno 2011.
Per completezza l'utility permette la rivalutazione anche oltre l'ultimo indice storico disponibile, effettuando il calcolo in due passaggi:
1) con gli indici annuali si rivaluta il capitale iniziale fino all'ultimo anno disponibile (attualmente il 2011).
2) per il periodo successivo (dal 2012 in poi) si rivaluta il valore ottenuto al punto 1) con i normali indici Istat pubblicati mensilmente.


Le fonti per il calcolo dell'indice di rivalutazione storico, come indicato dall'Istat, sono le seguenti:
 - Direzione generale del lavoro (fino al 1925);
 - Istat (dal 1926): rilevazione dei prezzi al consumo con l'esclusione dei tabacchi a partire dal 1992 (legge n. 81 del 5 febbraio 1992). A partire dall'anno 1968 hanno assunto la nuova denominazione: "indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati" (indici FOI).


Avvertenza
Questa applicazione Ŕ utilizzabile per un utilizzo non professionale ed a titolo puramente informativo.
L'utente Ŕ tenuto sempre a verificare l'esattezza dei calcoli.


Utility correlate


Il valore della moneta in Italia dal 1861

Premessa
Le trasformazioni economiche verificatesi in Italia nel corso della sua storia e il fenomeno delle variazioni temporali del valore della moneta determinano la necessitÓ di disporre di uno strumento statistico che consenta confronti omogenei, dal punto di vista del potere di acquisto della moneta, tra valori espressi in epoche diverse.
Per soddisfare questa esigenza, particolarmente sentita in campo economico, giuridico e amministrativo, l'Istituto nazionale di statistica in passato ha provveduto a pubblicare alcune serie di coefficienti di adeguamento monetario sull'Annuario statistico italiano e sul Compendio statistico italiano e serie pi¨ ampie su appositi fascicoli.
Basi statistiche utilizzate
Le variazioni del potere di acquisto della moneta nel corso del tempo possono essere calcolate, con sufficiente approssimazione, utilizzando i numeri indici sintetici dei prezzi, relativi a particolari aggregati di beni e servizi, adottati per misurare le variazioni medie nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni tra gli operatori economici e i consumatori privati finali.
Allo scopo di disporre di serie storiche sufficientemente lunghe, che assicurino la necessaria continuitÓ temporale nella misura del potere di acquisto della moneta, i numeri indici presi in considerazione nel presente volume sono quelli dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, denominati fino al 1967 "indici del costo della vita" e successivamente "indici dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati".
Ad essi la legislazione italiana assegna anche gli effetti amministrativi pi¨ importanti e rinvia per regolare gli adeguamenti dei valori monetari di anni e periodi diversi.
L'Istat ha iniziato ufficialmente l'elaborazione di tali indicatori a partire dal 1928 e ha ricostruito la serie relativa agli anni precedenti sulla base di indici di varia natura e composizione giÓ disponibili, in particolare una serie in base 1913, o appositamente elaborati, realizzando cosý una serie storica che parte dal 1861 e, nei limiti del possibile, comparabile nel tempo.
Fonte: Istat.it



Ti piace questa utility? Condividila su:




Avvocato Anna Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451 - Polizza Generali: 271920590
Pagina generata in 0.047 secondi