Sabato 25 ottobre 2014

UtilitÓ e Servizi
Atti Giudiziari
Fatturazione
Risarcimento Danni
ProprietÓ e Successioni
Investimenti Finanziari
Dichiarazione Redditi
UtilitÓ Varie
UtilitÓ Giuridiche Web

In Evidenza

Altre Risorse

Valuta l'applicazione:
4.6 / 5 (33 voti)

novità

Importi aggiornati in base al D.L. n. 90 del 24/06/2014, pubblicato sulla G.U. n. 144 del 24/06/2014.

Questa utility consente di calcolare il contributo unificato in base al valore della causa o alla tipologia del procedimento giudiziario.
Il bottone [Calcola] prevede 3 opzioni: valore determinato, non indicato e indeterminabile; per stabilire se applicare la riduzione del 50% al contributo unificato si consultino le relative note.
Con il bottone [Procedimenti con Contributo Fisso] è possibile visualizzare le voci per le quali il contributo unificato è determinato in modo forfetario, senza tenere conto del valore della causa, oppure non è dovuto (procedimenti esenti).

novità E' possibile calcolare il contributo unificato per scaglioni anche in ambito amministrativo (nuova voce) con riferimento ai procedimenti in materia di affidamento di pubblici lavori, servizi e forniture, nonchŔ di provvedimenti delle AutoritÓ indipendenti. Per tutti gli altri procedimenti amministrativi il contrbuto Ŕ determinato in misura fissa.

Contributo Unificato nel Processo Tributario:
Aggiornamento Legge di StabilitÓ 2014 (vedi Nota)
Art. 1, comma 598, lett. a), L. 27/12/2013, n. 147


New   Tabella completa del contributo unificato con normativa aggiornata 


 
Calcolo del contributo unificato basato sul valore della causa
Processo   Giudizio
  Valore determinato €:  
  Valore non indicato   Valore indeterminabile
  riduzione del 50%   (v. note)


Il contributo unificato è ridotto del 50% nei seguenti casi:

  • Procedimenti speciali previsti nel libro IV, titolo I (procedimenti sommari) del c.p.c., vale a dire: procedimenti per ingiunzione, procedimenti per convalida di sfratto e procedimenti cautelari o possessori, accertamento tecnico preventivo;
  • Giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo;
  • Giudizio di opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento;
  • Procedimenti di opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento;
  • Procedimenti di sfratto per morosità (il valore della causa si determina in base all importo dei canoni non corrisposti alla data di notifica dell'atto di citazione per la convalida);
  • Procedimenti di finita locazione (il valore si determina in base all'ammontare del canone di un anno);
  • Controversie individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego (tranne quanto previsto dall' art. 9 comma 1-bis del DPR 115/2012).
Valuta l'applicazione:
4.6 / 5 (33 voti)
Calcolo Contributo Unificato sul Tuo Sito?
Copia e incolla il seguente codice nelle tue pagine:

Gli aumenti del 2014:

Il D.L. n. 90 del 24/06/2014, pubblicato sulla G.U. n. 144 del 24/06/2014, ha stabilito una serie di aumenti del contributo unificato finalizzati alla copertura dei mancati introiti derivanti dall' introduzione del processo telematico.
Si tratta di aumenti generalizzati intorno al 15% sia per la tabella a scaglioni che per alcuni procedimenti dove il contributo unificato Ŕ dovuto in misura fissa.

Consulta la tabella aggiornata.
La tabella precedente Ŕ disponibile in questa pagina.

Legge di stabilitÓ 2014 e Processo Tributario:

Art. 1, comma 598, lett. a), L. 27/12/2013, n. 147

Il comma 3 bis dell'art. 14 del D.P.R. 115/02 Ŕ stato cosý modificato: "3-bis. Nei processi tributari, il valore della lite, determinato, per ciascun atto impugnato anche in appello, ai sensi del comma 5 dell'articolo 12 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, e successive modificazioni, deve risultare da apposita dichiarazione resa dalla parte nelle conclusioni del ricorso, anche nell'ipotesi di prenotazione a debito".

Le NovitÓ del 2013:

La legge n. 228 del 24/12/2012 (c.d. legge di stabilitÓ 2013) ha introdotto alcune novitÓ per quanto riguarda il contributo unificato.
- Sanzione pari al contributo unificato versato in caso di impugnazione dichiarata infondata, inammissibile o improcedibile, anche per le impugnazioni incidentali.

Nei procedimenti amministrativi:
- Aumento da 1500 a 1800 euro per i riti abbreviati di cui al Titolo V, Libro IV del Codice del Processo Amministrativo.
- Aumento della metÓ per tutti i giudizi di impugnazione di cui all' articolo 13 comma 16-bis del T.U. sulle spese di giustizia.
- Aumento da 600 a 650 euro per i ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica e per i casi non previsti da specifiche disposizioni.
- Introduzione di 3 scaglioni per i provvedimenti riguardanti appalti e lavori pubblici e delle autoritÓ indipendenti (€ 2000 per cause di valore fino a 200.000 euro, € 4000 per cause di valore compreso tra 200.000 ed 1 milione di euro, ed € 6000 per cause di valore oltre il milione di euro).

Leggi l' articolo pubblicato.

Gli aumenti del 2012:

Si richiama l'attenzione alle modifiche sul contributo unificato introdotte nel DPR 115/2002 dal D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla L. 15 luglio 2011, n. 111:


1) Aumento del contributo unificato in appello e in cassazione (dal 1ˆ gennaio 2012)
Il D.L. 98 ha disposto (con l'art. 37, comma 6, lettera 'b') l'introduzione del comma 1-bis all'art. 9 del DPR 115/2002:
"1-bis. Il contributo di cui al comma 1 Ŕ aumentato della metÓ per i giudizi di impugnazione (appello e reclamo ndr) ed Ŕ raddoppiato per i processi dinanzi alla Corte di Cassazione."


- Il contributo unificato Ŕ raddoppiato nei procedimenti dinanzi alle Sezioni specializzate in materia di impresa di cui al D.L. 168/2003 (art. 13, comma 1-ter DPR 115/2012 introdotto con la L. 24 marzo 2012, n. 27).


2) Nuovo regime per le domande riconvenzionali (dal 1ˆ gennaio 2012)
Art. 14 comma 3 DPR 115/02: "La parte di cui al comma 1(*), quando modifica la domanda o propone domanda riconvenzionale o formula chiamata in causa, cui consegue l'aumento del valore della causa, Ŕ tenuta a farne espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento integrativo. Le altre parti, quando modificano la domanda o propongono domanda riconvenzionale o formulano chiamata in causa o svolgono intervento autonomo, sono tenute a farne espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento di un autonomo contributo unificato, determinato in base al valore della domanda proposta".
(*) comma 1: "La parte che per prima si costituisce in giudizio, che deposita il ricorso introduttivo, ovvero che, nei processi esecutivi di espropriazione forzata, fa istanza per l'assegnazione o la vendita dei beni pignorati, Ŕ tenuta al pagamento contestuale del contributo unificato.


3) Obbligo di indicazione PEC, fax e codice fiscale
Art. 13, comma 3-bis DPR 115/02: "Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata e il proprio numero di fax ai sensi degli articoli 125, primo comma, del codice di procedura civile e 16, comma 1-bis, del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, ovvero qualora la parte ometta di indicare il codice fiscale nell'atto introduttivo del giudizio o, per il processo tributario, nel ricorso, il contributo unificato Ŕ aumentato della metÓ".
Art. 13, comma 6-bis, lettera e): (ricorsi amministrativi) "... I predetti importi sono aumentati della metÓ ove il difensore non indichi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata e il proprio recapito fax, ai sensi dell'articolo 136 del codice del processo amministrativo di cui al decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104 ...".


NOTA: l'art. 261 del DPR 115/2002 stabilisce che per i ricorsi in cassazione in materia tributaria il contributo unificato si applica ancora nella misura prevista per il processo civile.


Riferimenti Normativi

- D.L. 24 giugno 2014, n. 90 (Art. 53).
- Legge di stabilitÓ 2014 (Art. 1, comma 598, lett. a)).
- Legge di stabilitÓ 2013 (Art. 1 commi 17, 25 e 27).
- D.L. 6 luglio 2011, n. 98 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie generale - n. 155 del 6 luglio 2011) recante: "Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Art. 37"
- Artt. dal n. 9 al n. 18 del D.P.R. 115/2002 e successive modificazioni (Parte II Voci di Spesa, Titolo I Contributo unificato nel processo civile, amministrativo e tributario).
- Art. n. 261 del D.P.R. 115/2002 (spese processuali nel processo tributario dinanzi alla Corte di cassazione)
- Decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 (in Supplemento ordinario n. 114/L alla Gazzetta Ufficiale serie generale - n. 125 del 31 maggio 2010), coordinato con la legge di conversione 30 luglio 2010, n. 122, recante: "Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita' economica Art. 48-bis"
- Legge finanziaria 23.12.2009 n.191 (finanziaria 2010), commi 212 e seguenti che modificano gli artt. 9, 10 e 13 del dpr 115/2002 relativamente al contributo unificato, in vigore dal 1░ gennaio 2010.
- D.P.R. 30 maggio 2002, N. 115: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia come modificato dall'art. 1, comma 1307 della L. 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007).


Rimborso del Contributo Unificato

E' possibile richiedere il rimborso del contributo unificato nei casi in cui sia stato versato in misura superiore al dovuto oppure dove non richiesto come ad esempio:
- versamento di un importo riferito ad uno scaglione superiore.
- versamento effettuato per un procedimento esente.
- versamento al quale non ha fatto seguito l'iscrizione a ruolo etc. etc.
In questa pagina sono disponibili tutti i modelli da compilare per la richiesta di rimborso del contributo unificato.


Disciplina del Contributo Unificato

Il contributo unificato Ŕ disciplinato dagli articoli che vanno dal n. 9 al n. 18 del D.P.R. 115/2002; riportiamo di seguito l'art. 9 e i riferimenti ad alcuni degli articoli principali:
Art. 9 (Contributo unificato)
1. E' dovuto il contributo unificato di iscrizione a ruolo, per ciascun grado di giudizio, nel processo civile, compresa la procedura concorsuale e di volontaria giurisdizione, nel processo amministrativo e nel processo tributario, secondo gli importi previsti dall'articolo 13 e salvo quanto previsto dall'articolo 10.
1-bis. Nei processi per controversie di previdenza ed assistenza obbligatorie, nonche' per quelle individuali di lavoro o concernenti rapporti di pubblico impiego le parti che sono titolari di un reddito imponibile ai fini dell'imposta personale sul reddito, risultante dall'ultima dichiarazione, superiore a tre volte l'importo previsto dall'articolo 76, sono soggette, rispettivamente, al contributo unificato di iscrizione a ruolo nella misura di cui all'articolo 13, comma 1, lettera a), e comma 3, salvo che per i processi dinanzi alla Corte di cassazione in cui il contributo e' dovuto nella misura di cui all'articolo 13, comma 1.
- Art. 10 (Esenzioni).
- Art. 13 (Importi del contributo unificato).
- Art. 14 (Obbligo di pagamento).


Servizi correlati

- Tavole sinottiche del contributo unificato in materia civile e tributaria.
- ! Calcolo dei diritti di copia nel processo tributario.
- Calcolo dei diritti di copia (tribunale e Gdp).
- Compenso avvocati nei procedimenti civili (DM 55/2014).
- Compenso avvocati nei procedimenti penali (DM 55/2014).
- novità Compenso avvocati nelle attivitÓ stragiudiziali (DM 55/2014).
- Servizio per il calcolo della nota spese per studi legali con tariffario forense.
- Calcolo della notula penale con tariffario.
- Calcolo della notula con modelli predefiniti (decreto ingiuntivo, precetto, …).
- Tariffario forense 2004 online.



Ti piace questa utility? Condividila su:




Avvocato Anna Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451 - Polizza Generali: 271920590
Pagina generata in 0.052 secondi