Avv. Anna Andreani


Avv. Anna Andreani
Anna Andreani
V.le Stazione, 13 - 54100 Massa (MS)
tel:
0585813733
fax:
0585254037
Materie/specializzazioni:
Diritto successorio, Diritto fallimentare e delle procedure concorsuali, Diritto delle relazioni familiari, delle persone e dei minori, Diritto dell'esecuzione forzata, Diritti reali, di proprieta', delle locazioni e del condominio.
Disponibile per domiciliazioni.

L'avvocato Anna Andreani, titolare dell'omonimo studio legale e del sito web www.avvocatoandreani.it, si laurea presso l'Università degli Studi di Pisa, conseguendo l'abilitazione professionale presso la Corte di Appello di Genova.

Dal 1997 è iscritta all'Albo degli Avvocati di Massa Carrara e inizia l'attività professionale dapprima in collaborazione con un altro studio legale, e successivamente nel proprio studio di Massa.

E' iscritta nel registro degli avvocati per il gratuito patrocinio presso il Tribunale di Massa, e all'Osservatorio Nazionale sul Diritto di Famiglia.

Nel 2007 decide di applicare alla professione legale le moderne tecnologie informatiche, realizzando il sito web per consulenze legali online e servizi gratuiti per la professione forense con oltre 100 applicazioni per avvocati, studi legali, professionisti in generale e cittadini.

L'avvocato cura personalmente la sezione dedicata all'informazione giuridica avvalendosi della collaborazione di altri Colleghi tramite la pubblicazione di articoli, commenti e approfondimenti sulla più recente giurisprudenza di legittimità e di merito e sulle novità legislative.

Nel 2010 consegue inoltre il titolo di conciliatore professionista con attestato rilasciato dall'Istituto Lodo Arbitrale ed attualmente è iscritta nell'elenco dei mediatori abilitati presso l'Ordine degli Avvocati di Massa Carrara.

Le materie di competenza dello Studio sono prevalentemente il diritto di famiglia (separazioni, divorzi, riconoscimento di paternità, affidamento figli, eredità, interdizione) e il diritto civile in generale (recupero crediti, condominio, locazioni, obbligazioni, contrattualistica) con particolare riguardo alla responsabilità civile.

Lo studio opera nell'ambito dei distretti di Genova e Firenze (Tribunali e Corti d'Appello) e nel corso degli anni ha instaurato una fattiva e duratura collaborazione professionale con molti Colleghi e Studi legali su tutto il territorio nazionale.

Articoli pubblicati su AvvocatoAndreani.it Risorse Legali:
Giovedi 2 Aprile 2009
Aggiornato il limite di reddito per l'ammissione al gratuito patrocinio

Decreto 20 gennaio 2009 - Adeguamento dei limiti di reddito per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato. (GU n. 72 del 27-3-2009 )

IL CAPO DIPARTIMENTO per gli affari di giustizia del Ministero della giustizia

di concerto con

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO del Ministero dell'economia e delle finanze

...

Leggi tutto…
Cass. Civ. Sez. I - 18/06/2008 n. 16593.
Martedi 24 Marzo 2009
Cassazione: l'affidamento condiviso non può essere precluso dalla mera conflittualità dei coniugi

Famiglia - Matrimonio - Separazione personale dei coniugi - Effetti - Provvedimenti per i figli - Affidamento dei figli - Affidamento condiviso - Deroghe - Motivazione - Necessità - Requisiti - Conflittualità tra i coniugi - Rilevanza - Esclusione.

In tema di separazione personale dei coniugi, alla regola dell'affidamento condiviso dei figli può derogarsi solo ove la sua applicazione risulti "pregiudizievole per l'interesse del minore", con la duplice conseguenza che l'eventuale pronuncia di affidamento esclusivo dovrà essere sorretta da una motivazione non solo più in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneità educativa ovvero manifesta carenza dell'altro genitore, e che l'affidamento condiviso non può ragionevolmente ritenersi precluso dalla mera conflittualità esistente tra i coniugi, poiché avrebbe altrimenti una applicazione solo residuale, finendo di fatto con il coincidere con il vecchio affidamento congiunto.

FATTO E DIRITTO

1. P. G. ricorre per cassazione avverso la sentenza della Corte di Napoli in data 11 aprile 2007, confermativa di quella del Tribunale che, nel pronunciarne la separazione personale dal coniugo R. A. , con addebito esclusivo ad esso P. , ha affidato il figlio e assegnato la casa coniugale alla moglie e posto, altresì, a suo carico un assegno mensile di mantenimento di Euro 750,00 in favore della R. e di Euro 1. 200,00 per il figlio.

Leggi tutto…
Lunedi 23 Marzo 2009
Cassazione: madre anoressica? un solo incontro settimanale e sotto sorveglianza

Roma, 23 mar. (Apcom) - La madre anoressica, in caso di separazione, può incontrare i propri figli soltanto una volta alla settimana e sotto la sorveglianza degli assistenti sociali. La Cassazione, confermando una sentenza della Corte d'appello di Bologna, ribadisce infatti che "la patologia di cui è affetta la madre" ...

Leggi tutto…
Domenica 22 Marzo 2009
Pensione di reversibilità anche alla moglie che 'ha colpa'

Le ex mogli che nella causa di separazione sono state giudicate “colpevoli” del fallimento matrimoniale, e non hanno dunque alcun diritto all'assegno di mantenimento, possono ottenere la reversibilità della pensione dell'ex marito se l'uomo viene a mancare. …

Leggi tutto…
Venerdi 13 Marzo 2009
Cassazione: multe per chi fa ricorso senza validi motivi

Sentenza n. 4829/2009.

Roma, 12 mar. (Apcom) - Multe salate dalla Cassazione per chi fa ricorso senza validi motivi. La Corte, in qualche modo anticipando il Ddl di riforma della giustizia civile che introduce il cosiddetto 'filtro' per i ricorsi in Cassazione, ha deciso di sanzionare duramente chi 'scomoda' la Suprema Corte ...

Leggi tutto…
Giovedi 12 Marzo 2009
Cassazione: forum e blog non sono stampa

MILANO (Reuters) - Per i nuovi mezzi di comunicazione non possono valere le stesse regole che riguardano la stampa. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che ha respinto il ricorso contro il sequestro di alcuni messaggi del forum online di un'associazione di consumatori. E' quanto ha annunciato oggi in una nota sul proprio sito ...

Leggi tutto…
Mercoledi 4 Marzo 2009
Disciplina dell'ordinamento forense - Progetto di legge approvato dal CNF il 27 febbraio 2009

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE - DISEGNO DI LEGGE 27 febbraio 2009Testo approvato nella seduta amministrativa del 27 febbraio 2009, sottoposto a revisione formale a cura del Comitato ristretto della Commissione legislativa del CNF.

Leggi tutto…
Mercoledi 4 Marzo 2009
Il danno non patrimoniale a tre mesi dalle sezioni unite

IL DANNO NON PATRIMONIALEA TRE MESI DALLE SEZIONI UNITE

MORALE VS BIOLOGICO

C O S A E’ C A M B I A T O ?

Quattro Sezioni Unite sul danno non patrimoniale (sentenze dell’11. 11. 2008 nn. 26972 – 26975) hanno “riscritto” alcune delle pagine più importanti in tema didanno non ...

Leggi tutto…
Venerdi 6 Febbraio 2009
Agenzia delle Entrate: l'usufrutto ceduto è esente da iva

Con la Risoluzione n. 405 del 30 ottobre 2008, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che la temporanea concessione dell'usufrutto di un immobile ad uso abitativo ai propri soci, dietro pagamento di un corrispettivo, è da considerarsi un'operazione esente ai fini IVA in quanto assimilabile ad una locazione, senza costituzione di ...

Leggi tutto…
Venerdi 6 Febbraio 2009
Cassazione: Rassegna Giurisprudenza Civile 2008

L'ufficio del massimario della Corte Suprema di Cassazione ha pubblicato anche per quest'anno la rassegna di giurisprudenza civile con le decisioni più rilevanti del 2008.

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

UFFICIO DEL MASSIMARIOLA CORTE “DEI DIRITTI”LE PIÙ RILEVANTI DECISIONI CIVILI DELLA CORTE DI ...

Leggi tutto…
Martedi 18 Marzo 2008
Il Nuovo Tasso di Interesse Legale per il 2008

Con decreto pubblicato sabato in Gazzetta Ufficiale, la misura del tasso di interessi legali, previsto dall'art. 1284 del codice civile, e' fissata al 3 per cento annui, a partire dal 1° gennaio 2008.

. . . . . Ministero dell'Economia e delle Finanze Decreto 12 Dicembre 2007 Modifica del saggio di interesse legale ...

Leggi tutto…
Sentenza n. 50 del 10/02/2006.
Giovedi 10 Gennaio 2008
Corte Costituzionale, riconoscimento paternità: sull'illegittimità dell'art. 274 del Codice Civile

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

. . . omissis. . .

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nel giudizio di legittimità costituzionale dell'art. 274 del codice civile, promosso con ordinanza del 26 novembre 2004 dalla Corte di cassazione, nel procedimento civile ...

Leggi tutto…

Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.054 secondi