Giovedi 18 settembre 2014

Attività

Documentazione

Utilità e Servizi
Rivalutazioni Istat
Tassi e Interessi
Atti Giudiziari
Fatturazione
Risarcimento Danni
Proprietà e Successioni
Investimenti Finanziari
Dichiarazione Redditi
Utilità Varie

Link

Siamo Anche Su

Facebook
Twitter
Linkedin
del.icio.us
FriendFeed
Pinterest

Cos' è il gratuito patrocinio?

Il gratuito patrocinio è un istituzione garantita dallo Stato Italiano che permette a tutti i cittadini in possesso di determinati requisiti di reddito di usufruire della tutela legale senza farsi carico delle spese processuali (parcella dell'avvocato, contributo unificato, spese di notifica, etc.).


Come faccio a richiedere il gratuito patrocinio ?

Per la richiesta di assistenza legale in ambito civile è necessario presentare apposita domanda (c.d. istanza di ammissione) presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del luogo in cui si svolge il processo. La domanda può essere presentata personalmente dal richiedente (o dal suo legale) oppure inviata tramite Raccomandata A.R. La firma apposta dal richiedente sulla domanda deve essere autenticata dal Legale del richiedente oppure dall'interessato stesso tramite autocertificazione secondo le modalità previste dal DPR 445/2000.
Nel penale invece l'istanza deve essere presentata all'ufficio del magistrato innanzi al quale pende il processo.


Quali sono i limiti di reddito per essere ammessi al gratuito patrocinio ?

I limiti di reddito sono stabiliti dal legislatore e vengono adeguati ogni due anni in base all'indice ISTAT utilizzato per le rivalutazioni monetarie; l'adeguamento è stabilito generalmente con apposito decreto legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Il limite di reddito attualmente, secondo l'ultimo adeguamento del 2014, è pari a € 11.369,24.
Si tenga presente che ai fini della determinazione di tale limite si deve tenere conto dei redditi di tutti i componenti che fanno parte del stesso nucleo familiare del richiedente; nel computo sono compresi anche i redditi esenti da imposta e quelli per i quali è prevista un'imposta sostitutiva.
Nel caso di patrocinio in ambito penale il limite di reddito è elevato di € 1.032,91 per ognuno dei familiari conviventi.


Quanto tempo occorre per l'accoglimento della domanda ?

Non più di dieci giorni successivi a quello di presentazione dell'istanza, sia per il patrocinio civile che penale.
Entro questo periodo il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati, o il Magistrato per il patrocinio penale, verificata l'ammissibilità dell'istanza, ammetteranno il richiedente e gli invieranno copia del provvedimento di ammissione.


Vi sono dei casi in cui non si tiene conto del reddito degli altri familiari ?

Si, nel caso in cui l'oggetto della causa riguardi i cosiddetti diritti della personalità oppure ancora quando gli interessi del richiedente siano in contrasto con quelli degli altri familiari.
In tutti questi casi per l'ammissione si terrà quindi conto del solo reddito del richiedente.


Quali sono gli Avvocati che operano con il gratuito patrocinio ?

Non tutti gli avvocati sono disponibili a svolgere questo servizio; la dichiarazione di disponibilità è su base volontaria e viene presentata dal legale all'Ordine degli Avvocati di appartenenza.
A questo scopo tutti gli Ordini mettono a disposizione dei cittadini un elenco degli avvocati che hanno dato la loro disponibilità, elenco consultabile presso le rispettive sedi o pubblicato online sui vari siti web (si veda ad es. l'elenco dell' Ordine Avvocati di Massa Carrara).


Posso scegliere l'Avvocato che mi tutelerà nella causa ?

Si, il cittadino che presenta la domanda ha completa autonomia nella scelta del legale che lo tutelerà, a patto che lo stesso sia iscritto nelle liste degli Avvocati disponibili al Gratuito Patrocinio.
L'Avvocato Andreani è iscritta dal 2003 nelle liste del Gratuito Patrocinio presso il Tribunale di Massa ed offre assistenza nella fase iniziale di verifica e valutazione dei requisiti, nonché nella presentazione della domanda di ammissione presso gli organi competenti.


Contatta lo studio per un appuntamento.


Per quali cause posso richiedere il gratuito patrocinio ?

Nel processo penale l'interessato può chiedere di essere ammesso al gratuito patrocinio quando sia indagato, imputato condannato, o anche sia persona offesa da reato, danneggiato che intenda costituirsi parte civile, responsabile civile o civilmente obbligato per la pena pecuniaria; Analogamente si può essere ammessi al gratuito patrocinio per i giudizi civili, amministrativi, contabili, tributari e nelle cause di volontaria giurisdizione (es: separazione consensuale, divorzio su domanda congiunta, modifica delle condizioni di separazione ecc) purchè non si tratti di questioni manifestamente infondate.


Posso separarmi o divorziare con il gratuito patrocinio ?

Si, chi intende interrompere il rapporto coniugale può beneficiare del gratuito patrocinio anche in caso di separazione consensuale e divorzio congiunto.
I requisiti e le modalità di presentazione della domanda sono le stesse delle cause civili.


Cosa succede se presento la domanda di ammissione ma non ho i requisiti ?

La domanda viene semplicemente respinta o dal Consiglio dell'Ordine degli Avvocati territorialmente competente nei giudizi civili, amministrativi, contabili, tributari e di volontaria giurisdizione o dal magistrato davanti al quale pende il processo penale. Nel caso in cui nel corso del giudizio colui che è stato già ammesso al gratuito patrocinio superasse il limite di reddito imposto dalla legge, il beneficio del gratuito patrocinio può essere revocato.


Quante volte posso richiedere il gratuito patrocinio ?

Non vi sono limiti al numero di volte in cui un cittadino può usufruire di questo istituto, purchè ogni volta siano rispettati tutti i requisiti per l'ammissione.


Posso richiedere l'ammissione anche in Cassazione ?

Si, il gratuito patrocinio può essere richiesto in qualunque grado del giudizio;
in questo caso l'Avvocato, oltre ad essere iscritto negli elenchi dei legali disponibili al gratuito patrocinio, dovrà anche essere patrocintante in Cassazione.


Ho diritto al gratuito patrocinio anche per la Mediazione Civile Obbligatoria ?

Si. In questo caso il cittadino che richiede la mediazione con questa modalità non dovrà corrispondere alcuna indennità all'Organismo di Conciliazione.
Si tenga presente però che, con l'attuale legislazione, il gratuito patrocinio non copre gli onorari dell'Avvocato che eventualmente dovesse assistervi durante il procedimento della mediazione, in quanto la sua presenza è, per il momento, facoltativa.


Se sono stato ammesso ma le mie condizioni di reddito sono cambiate ?

Può succedere che chi è stato ammesso al gratuito patrocinio in un determinato periodo, avendone i requisiti, modifichi la propria situazione reddituale (ed esempio una persona disoccupata che trova lavoro) superando il limite di reddito consentito per l'ammissione.
In tal caso il richiedente, che è tenuto a comunicare le variazioni di reddito entro 30 giorni dalla ricorrenza annuale della presentazione della domanda o della comunicazione della precedente variazione, perde il diritto ad usufruire del gratuito patrocinio.
Viceversa, in caso di condizioni economiche mutate in senso sfavorevole, come ad esempio la perdita del lavoro o l'allontanamento di un componente del nucleo familiare che contribuiva al reddito complessivo, la persona interessata ha facoltà di richiedere il gratuito patrocinio in qualunque fase del processo.






Avvocato Anna Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451 - Polizza Generali: 271920590
Pagina generata in 0.024 secondi